sabato 29 ottobre 2016

CODING A SCUOLA

Attraverso il coding si introduce il bambino al pensiero computazionale proponendo attività intuitive e divertenti e utilizzando strumenti didattici tecnologici: nel nostro caso l'apetta BEE-BOT.
E' un robot a forma di ape che ha sul dorso i comandi base: avanti-indietro-svolta a destra-svolta a sinistra- go. E' in grado di memorizzarli e muoversi su un percorso,


L'attività ha inizio con la presentazione di una filastrocca o racconto che ha come protagonista la nostra amica apetta; sperimentiamo,poi,con il corpo il percorso e successivamente riviviamo l'esperienza dando i comandi all'apetta robotica. Per ultimo passiamo  alla rappresentazione grafica con schede guidate



FILASTROCCA

Vola vola apetta, a scuola devi andare
ed una lunga strada tu ora devi fare.
Con il tuo zaino in spalla comincia a svolazzare,
ma dopo all'edicola tu già ti vuoi fermare.
Le belle figurine hai voglia di comprare,
insieme ai compagni tu, poi, ci vuoi giocare.
Riprendi a svolazzare.....a scuola devi andare!
....ma adesso dal fornaio tu ti vuoi fermare
e una buona merendina a scuola vuoi portare,
ma i dolci sono tanti....non sai cosa comprare!
Si è fatto un po' tardi....a scuola devi andare, 
svolazza un po' più in fretta se in tempo vuoi arrivare!
ecco la tua scuola...la maestra ti aspetta,
insieme ai tuoi compagni divertiti apetta!

Ora facciamo finta di essere l'apetta...anche noi dobbiamo percorrere la strada per arrivare a scuola.
Un nostro compagno, a turno, ci dà le indicazioni giuste 




E' il momento di usare la BEE-BOT: diamo noi i comandi, l'apetta li memorizzerà e percorrerà la strada per arrivare a scuola...ricordiamoci che deve fermarsi a comprare le figurine e la merendina!



Ora rappresentiamo graficamente il percorso: seguendo le indicazioni dell'insegnante coloriamo le caselle




RACCONTO..."L'APETTA CHE NON POTEVA VOLARE"

Questa storia parla di un'apetta che non può più volare, perchè si è fatta male ad un'ala. Stare sola dentro l'alveare, però, non le piace e così decide di fare una passeggiata camminando con le sue zampette. Molto presto si accorge di essersi persa e  così, per raggiungere l'alveare, chiede aiuto ad un bambino che le dà le indicazioni necessarie per arrivarci.

Inizialmente si è vissuta la storia con il corpo: è stato realizzato un tappeto suddiviso a scacchiera, e i bambini hanno interpretato, a turno, l'apetta e il bambino che dà le indicazioni ponendo delle frecce direzionali sul tappeto.





Successivamente i bambini hanno rivissuto l'esperienza dando i comandi all'apetta robotica (BEE-BOT)



Infine hanno rappresentato graficamente questa esperienza  liberamente e con schede guidate






Nessun commento:

Posta un commento